eCommerce per i Professionisti del settore

Make-up e menopausa

make-up-e-menopausa

Un poco di rossetto, un filo di ombretto o di cipria. Una leggera spruzzatina di profumo e un poco di lacca, per tenere in ordine i capelli. Gesti apparentemente innocui, che molte donne ripetono ogni giorno, ma che potrebbero avere qualche controindicazione. Soprattutto se i prodotti utilizzati non sono sicuri. Secondo uno studio appena pubblicato sul giornale Plos One, alcune sostanze presenti nei cosmetici anticipano la menopausa fra i due e i quattro anni.
L’orologio biologico delle donne subisce infatti un’accelerazione a causa dell’inquinamento chimico presenti in alcune confezioni di make-up. Prodotti ‘a rischio’ potrebbero essere anche alcuni detersivi o saponi. I ricercatori della Washington University a St.Louis, coordinati da Amber Cooper, hanno seguito 31.500 donne, coinvolte in un vasto studio di sorveglianza epidemiologica. Ogni due anni, dal 1999 al 2008, le volontarie hanno risposto a un questionario su Salute e nutrizione in cui era c’era la domanda: “E’ in menopausa?”. Sono stati inoltre analizzati sangue e urine per verificare la presenza di inquinanti come, ad esempio, pesticidi e ftalati presenti in profumi, materie plastiche, cosmetici, smalti per unghie, lacche per capelli.

“L’esposizione a molte di queste sostanze è al di fuori dal nostro controllo – aggiunge Cooper – . Le troviamo dappertutto: nell’acqua, nel terreno e nell’aria. Ma possiamo provare a gestire le sostanze chimiche che usiamo ogni giorni e aumentare la nostra consapevolezza. Dobbiamo limitare l’uso di alcuni prodotti”

Vai all’articolo originale su Repubblica.it

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*