eCommerce per i Professionisti del settore

Cancro, arginare gli effetti collaterali delle terapie

salute

Alimentazione, ginnastica e nuove cure possono aiutare a combattere le conseguenze indesiderate di cui soffrono 8 malati su 10. Fondamentale il rapporto con oncologo e medico di famiglia.

Cresce costantemente il numero dei malati di tumore che guariscono o convivono a lungo con la malattia e oggi sono quasi tre milioni gli italiani che vivono dopo una diagnosi di cancro. Otto persone su dieci però durante e dopo le terapie soffrono di disturbi collaterali che possono in gran parte essere arginati, con la prescrizione di cure ad hoc, facendo attività fisica e seguendo una corretta alimentazione.

«Una migliore qualità di vita svolge un ruolo decisivo nell’adesione alle cure – spiega Francesco Cognetti, presidente “Fondazione Insieme contro il Cancro”, durante un convegno organizzato a Roma sull’argomento -. Spesso i pazienti interrompono i trattamenti proprio a causa dei disturbi causati dai farmaci. Per questo è fondamentale individuare, a paragonabile efficacia dei trattamenti, quei medicinali che garantiscono minori conseguenze indesiderate. Inoltre il numero crescente delle formulazioni orali che permettono al malato di curarsi a casa con il supporto dei familiari richiede una migliore collaborazione i medici di famiglia».

Continua a leggere su Corriere della sera

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*